Seo brand Journalism e comunicazione azienda

Il brand Journalism è un segmento di sviluppo della nuova comunicazione azienda

Di cosa si tratta?

In sostanza, le imprese si trovano sempre più alle prese con un cambiamento del loro modo di comunicare. Fino ad oggi la loro comunicazione è stata solo verticale, calata dall’alto verso il basso attraverso i media tradizionali, Giornali, Tv, Radio, Manifesti, Cartelloni, Volantini, Brochure. Le imprese comunicavano solo attraverso un messaggio che era assorbito dai consumatori senza alcun contraddittorio, solitamente attraverso uno spot pubblicitario pubblicato da un giornale, divulgato da una brochure, da un volantino o trasmesso in Tv o in Radio.

Da qualche anno è sorta l’esigenza di cambiare la forma di comunicazione dell’ azienda da verticale a orizzontale. Sempre di più le imprese tendono a darsi la possibilità di confrontarsi con gli utenti-clienti per fidelizzare quelli con cui hanno già stabilito un rapporto e attrarne di nuovi.
Attraverso il Seo, il brand Journalism perfeziona la nuova comunicazione azienda. Durante un seminario al quale ho recentemente partecipato, ho incontrato il Seo di un portale e-commerce. Era un ingegnere informatico il quale rimase sorpreso quando gli dissi che anche io mi occupo di Seo, pur essendo un giornalista.

Il Seo è colui il quale ottimizza i siti web per i motori di ricerca. Da giornalista sono entrato nel settore grazie ai cambiamenti tecnologici introdotti dall’avvento delle nuove piattaforme CMS, tra le quali spicca wordpress, guardato con il naso parecchio storto dagli informatici ma che io, naturalmente, adoro. Chiarisco subito, la Seo ha un’aspetto tecnico imprescindibile ma è stato affiancato da quello intellettivo, e io mi occupo di quest’ultimo.

Brand Journalism o comunicazione azienda un tanto al chilo?

Da giornalista ho sempre scritto ed elaborato contenuti per i miei articoli spinto dalla curiosità. Ho scritto seguendo le notizie per informare i lettori, secondo le linee editoriali dettate dalle esigenze dell’editore e a volte scontrandomi con quest’ultimo, ma non ho rinunciato a cercare e raccogliere storie da raccontare concedendomi un minimo di autonomia e libertà. Il brand Journalism racconta le storie delle imprese, le loro esperienze e le trasforma in contenuti utili per gli utenti clienti.
Nell’occuparmi oggi della Seo, cerco di seguire le nuove tecniche di scrittura imposte dagli algoritmi di Google, quelli che mi hanno permesso di entrare nel settore e che sono la causa dello stupore dell’ingegnere informatico del sito e-commerce incontrato al seminario, e per avere un discreto successo non devo fare altro che seguire le regole care al giornalismo di un tempo.

Brand Journalism Comunicazione azienda o slogan rimodulati?

Le osservazioni, in parte condivisibili, dei giornalisti rispetto al brand Journalism e alla comunicazione azienda sono che essendo le informazioni prodotte dall’azienda che ha interesse a divulgarle, esse sono poco verificabili. Ed è qui che entra in gioco la nuova comunicazione orizzontale. Nel mondo della comunicazione d‘impresa odierna, tutto funziona come nelle nuove campagne elettorali politiche. Non troverete mai qualcuno che si candidi per il male del paese, tutti si candidano per il suo bene e dietro ogni candidato, anche di un piccolo centro, c’è una piccola squadra di giornalisti che, convinti del suo programma, elaborano a pagamento contenuti per divulgarlo e convincere la maggioranza dell’elettorato a votarlo. Le aziende sono chiamate a fare lo stesso. Non basta che l’imprenditore sia convinto di produrre o commercializzare il miglior prodotto del suo settore, a prescindere se ciò sia vero o no. È necessario che riesca a convincere quanti più clienti possibile.

Come si fa a convincere la maggior parte delle persone che si è i migliori nel proprio settore?

Come sa la maggior parte di chi si è occupato di campagne elettorali, riesce meglio a convincere l’elettore il candidato che si mostra più sincero e trasparente degli altri. Ovviamente questo non è un manuale di comunicazione politica e le variabili che determinano il successo di una campagna elettorale sono moltissime. Sto solo dicendo che ogni buon imprenditore (così come ogni candidato), nel rivolgersi al suo mercato di riferimento, dovrebbe (deve) comunicare la verità su ciò che produce. Il motivo è semplice e per comprenderlo bene, basta cambiare la prospettiva e guardare le cose dalla parte dell’utente cliente, quello che una volta si chiamava consumatore.

Qual è il bisogno del cliente?

Il cliente vuole sapere come soddisfare un suo bisogno e prima di soddisfarlo, vuole informarsi sul prodotto o servizio che intende acquistare. L’impresa che per prima, e meglio, riuscirà a raggiungerlo e ad essere convincente, sarà quella che si aggiudicherà il nuovo cliente.

Come soddisfare il bisogno del cliente?

La risposta a questa domanda é relativamente semplice, basta fornire la giusta informazione all’utente cliente. Un’informazione vera, utile, che non riguardi il vantaggio del prodotto o del servizio in se ma che soddisfi il bisogno del cliente, cui si deve dare anche dare la possibilità di entrare in contatto con l’azienda grazie agli strumenti di interazione online, il sito web e la pagina Facebook su tutti.

Come si fa a verificare l’informazione?

Ogni buon giornalista che si rispetti sa che prima di dare un’informazione bisogna verificarla ed è vero che nel caso del brand Journalism e della comunicazione azienda, così come nella comunicazione politica, è difficile procedere con la verifica delle fonti. Ma per qualsiasi azienda o impresa che abbia saggiamente deciso di intraprendere la comunicazione orizzontale, non è conveniente divulgare informazioni non vere, perché il cliente non soddisfatto o che si sente preso in giro può, con grande facilità, informare a sua volta migliaia di altri utenti clienti attraverso il web con le pagine Facebook o i forum online, della veridicità o meno di quanto affermato dall’azienda. Oggi le aziende comunicano quasi come i candidati alle elezioni solo che questi ultimi sono più fortunati, perché saranno sottoposti al giudizio degli elettori dopo un largo lasso di tempo. Le aziende, invece, sono giudicate immediatamente e senza alcuna pietà dagli utenti clienti i quali, a loro volta, hanno una maggiore possibilità di informare rispetto ad un‘impresa che non si è dotata degli strumenti necessari per interagire nella comunicazione orizzontale.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.