Google Panda. L’aggiornamento 4.2 è in atto ma è quasi invisibile per i Seo

Barry Schwartz ci informa che Google ha lanciato in rete l’aggiornamento numero 30 dell’algoritmo Panda. Contrariamente a quanto si può ingenuamente credere, Panda è il cognome dell’ingegnere che nel 2011 ha finito di mettere a punto il nuovo strumento di ricerca con i quali i Seo Specialist hanno cominciato a fare i conti per aumentare il ranking dei loro siti aziendali. Panda funziona in modo abbastanza semplice. L’algoritmo setaccia la rete per andare a caccia delle pagine migliori, cercando di selezionarle e premiarle in base al gradimento che hanno manifestato gli utenti. Per esempio, se una ricerca è data dalle frasi, Hotel a Palermo o B&B a Palermo, e il tempo di permanenza medio statistico degli utenti sulla prima pagina che appare in Serp è di pochi secondi, vuol dire che quella pagina non ha buone informazioni per gli utenti e Google la penalizza.

Barry Swartz

Adesso, a quanto sembra dalle notizie che ci fornisce Barry Schwartz, Google ha lanciato l’ennesimo aggiornamento lo scorso fine settimana. È probabile che pochi l’abbiano notato, perché l’aggiornamento in questione sta avvenendo molto lentamente e avrà effetti lenti sui siti e sulle pagine dei siti web monitorati dai Seo specialist aziendali.

L’ultima volta che abbiamo avuto un aggiornamento ufficiale di Panda fu quasi 10 mesi fa, con Panda 4.1 il 25 settembre 2014. Quello fu l’aggiornamento numero 28, ma non si sa bene come chiamare questo aggiornamento, se 29 o 30, dal momento che ci sono state piccole fluttuazioni dall’ottobre 2014. Per quanto ne sa Barry Schwartz, sono molto pochi i webmaster che hanno notato un aggiornamento di Google in questo fine settimana. Ecco come dovrebbe essere questo aggiornamento di Panda che Google sta lanciando molto lentamente. Intanto è necessario anticipare che l’aggiornamento, come quasi tutti, è in lingua inglese. Google ha fatto sapere che l’aggiornamento interessa il circa il 2-3% delle query in lingua inglese. Quindi noi in Italia possiamo stare tranquilli, almeno per ora l’aggiornamento riguarda i Seo Specialist che trattano siti in lingua inglese. Tuttavia, molte autorevoli aziende in Italia hanno siti in doppia lingua per soddisfare le Query in lingua inglese.

L’aggiornamento produrrà nuove opportunità per alcuni e nuovi penalty per altri, ma forse l’effetto peggiore é che costringe i Seo Specialist a monitorare gli impatti di ricerca e la classifica organica nel tempo, per capire se effettivamente Panda ha colpito le pagine del sito. In ogni caso, chiunque sia stato penalizzato da Panda può modificare la pagina e ritornare a emergere in Serp. Fino a ora in genere, a ogni rilascio di aggiornamento le modifiche in Serp e l’aumento o la diminuzione di traffico sui siti sono state notate rapidamente. Tuttavia, l’aggiornamento dell’algoritmo ha nel tempo interessato relativamente basse percentuali di volumi di ricerca sopratutto in lingua inglese ma gli effetti possono essere disastrosi per i siti mondiali. Famoso è rimasto il caso di eBay, quando si scoprì che l’aggiornamento Panda 4.0 rilasciato a maggio del 2014, colpì il sito che fino al giorno prima era nei Big 10 dei siti mondiali, perché le sue pagine avevano le caratteristiche penalizzate da Panda, cioè pagine con pochi contenuti, molti annunci pubblicitari, molto link ancorati a troppe parole chiave. Tutte indicazioni e modalità che i Seo Specialist hanno da allora evitato di utilizzare per i loro siti aziendali. Per la cronaca, ecco la lista degli aggiornamenti confermati di Panda, con alcuni dei principali cambiamenti chiamati con il loro AKA

Panda Update 1, AKA Panda 1.0, 24 febbraio 2011 (11,8% delle ricerche in inglese negli Stati Uniti soltanto)
Panda Update 2, AKA Panda 2.0 11 aprile 2011 (2% di richieste; in inglese a livello internazionale)
Panda Update 3, 10 maggio 2011
Panda Update 4, 16 giu 2011
Panda Update 5, 23 luglio 2011
Panda Update 6, 12 ago 2011 (6-9% delle query in molte lingue diverse dall’inglese)
Panda Update 7, 28 settembre 2011
Panda Aggiornamento 8 AKA Panda 3.0, 19 ottobre 2011 (circa il 2% delle query)
Panda Aggiornamento 9, 18 nov 2011 (meno dell’1% delle query)
Panda Update 10, 18 gennaio 2012
Panda Aggiornamento 11, 27 febbraio 2012
Panda Aggiornamento 12, 23 marzo 2012 (circa il 1,6% delle query)
Panda Aggiornamento 13, 19 aprile 2012
Panda Aggiornamento 14, 27 aprile 2012
Panda Aggiornamento 15, 9 Giugno 2012: (1% di richieste)
Panda Aggiornamento 16, 25 giugno 2012: (circa l’1% delle query)
Panda Aggiornamento 17, 24 luglio 2012: (circa l’1% delle query)
Panda Aggiornamento 18, 20 agosto 2012: (circa l’1% delle query)
Panda Aggiornamento 19, 18 settembre 2012: (meno del 0,7% delle query)
Panda Update 20, 27 settembre 2012 (2,4% query inglesi)
Panda Aggiornamento 21, 5 novembre 2012 (1,1% delle query in lingua inglese negli Stati Uniti; 0,4% a livello mondiale)
Panda Aggiornamento 22, 21 novembre 2012 (0,8% delle query inglesi sono stati colpite)
Panda Aggiornamento 23, 21 dicembre 2012 (1,3% delle query inglesi sono stati colpite)
Panda Aggiornamento 24, 22 gennaio 2013 (1,2% delle query inglesi sono stati colpite)
Panda Aggiornamento 25, 15 Marzo 2013
Panda Aggiornamento 26, 18 luglio 2013
Panda Aggiornamento 27 AKA Panda 4.0, 20 maggio 2014 (7,5% delle query inglesi sono state colpite)
Panda Aggiornamento 28 AKA Panda 4.1, 25 set 2014 (3-5% delle ricerche sono state colpite)
Panda Aggiornamento 30 AKA Panda 4.2, 18 luglio 2015 (2-3% delle ricerche sono state colpite)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.